Sara Assicurazioni esce dagli schemi e comunica sulla scia degli action movie anni ’80

Escono dai soliti schemi, sono ben girati, ricalcano magnificamente l’impatto visivo e lo stile dei film d’azione anni ’80 interpretati da Bruce Willis o da Arnold Schwarzenegger.

Sono i nuovi spot creati per Sara Assicurazioni, concepiti per attrarre in modo originale. Pochi secondi adrenalinici su cui passa una sorta di evidenziatore che allunga le distanze di questi spot dalla “solita pubblicità”, spesso appiattita e avulsa da contenuti attrattivi.

Il progetto creativo è stato affidato all’agenzia pubblicitaria americana J. Walter Thompson. Alla regia ci sono due affermati registi argentini che lavorano a Los Angeles. La fotografia è curata dall’italiano Fabio Zamarion che presta la sua opera sia per la televisione che per il grande schermo. La produzione è affidata alla Think Cattleya che lavora per grossi marchi italiani e internazionali.

Gli spot fino ad ora prodotti per SARA sono due ed entrambi sono introdotti da un logo che fa eco a quelli delle maggiori case di produzione cinematografiche americane. Una via di mezzo tra la Amblin, Universal, Lionsgate e Dreamworks. Non è un logo a caso ma riporta la scritta HEADUSERS (traducibile in “Chi usa la testa”) il cui payoff è Sara Production.

Headusers
Headusers

Il primo dei due spot si sviluppa attorno ad una storia che mette al centro il rapimento della figlia di un senatore, argomento che offre spunto per il titolo di questo sedicente trailer cinematografico.

Musica drammatica, montaggio veloce, narrazione concitata, varie location e numerosi interpreti tra primari e comparse, fino ad arrivare ad un “break” in cui tutto si ferma, compresi gli attori che fino a qualche istante prima erano impegnati in un cruento corpo a corpo. Uno dei due, quello che ha la meglio, esce dal suo ruolo, pur continuando a tenere per il collo il suo antagonista. Si rivolge alla camera e ci dice: “Se stai guardando questo trailer non stai guidando però stai continuando a pagare l’assicurazione della tua auto. E’ tempo di usare la testa”. E’ a questo punto che entra in scena il logo SARA e il payoff in forma grafica che rafforza il medesimo appena pronunciato dall’attore: “E’ tempo di usare la testa”.

A seguire la versione estesa dello spot.

Cover of "The 6th Day"

Curiosità: la scena dell’esplosione dell’edificio è stata presa dal film Il 6° giorno (The 6th day) con Arnold Schwarzenegger, per l’esattezza dai contenuti speciali del DVD (Sul set del 6° giorno – Detonazione) a 3′:07″. La versione finale di questa scena usata nel film cambia leggermente d’inquadratura. La potete vedere a 1:48′ (sempre che abbiate il DVD).

Non a caso sul mio blog ho una pagina in cui racconto la mia passione per Arnold Schwarzenegger. Quindi, secondo voi, l’avrò visto il 6° giorno?

Due fotogrammi a confronto:

Fotogrammi a confronto tra il film Il 6° giorno e lo spot Sara Assicurazioni
Fotogrammi a confronto tra il film Il 6° giorno e lo spot Sara Assicurazioni

Il secondo spot si intitola Alta tensione a bordo e richiama scenari militari. Parte con atmosfere alla JAG Avvocati in divisa per poi virare velocemente verso una spy story che mette al centro controversie che si sviluppano all’interno di un sommergibile militare.

Tradimenti, spie ed esplosioni si susseguono concentrando in pochi istanti tutta l’adrenalina di un film d’azione hollywoodiano. Ovviamente il finale spezza l’incantesimo riportando lo spettatore alla cruda realtà del mondo della pubblicità dove, inevitabilmente, un qualche messaggio per promuovere un prodotto o un servizio deve pur passare. E’ qui, al vertice della tensione, che il conflitto che si è instaurato all’interno del sottomarino viene interrotto. Come nell’altro spot, musica e attori in scena si fermano. I personaggi escono dal loro ruolo per rivolgersi direttamente allo spettatore invitandolo ancora una volta “ad usare la testa”.

Due spot, stessi intenti ma entrambi sviluppati in modo da sembrare autentici trailer di pellicole pronte a sbancare il botteghino.

A seguire la versione estesa dello spot.

Comunque, a parte qualche fotogramma preso in prestito da film reali, il risultato complessivo di questi spot è sicuramente interessante. Quantomeno emerge creatività e originalità che vanno incontro ad un target che riterrei piuttosto evidente: uomini “ultra quarantenni” che hanno vissuto gli anni ’80 all’insegna degli incredibili e indimenticabili action movie. Ultra quarantenni che sicuramente rientrano nella maggior parte degli utenti a cui il prodotto assicurativo in questione è indirizzato. Senza ovviamente scartare tutti gli altri possessori di auto che non hanno vissuto gli anni ’80 in piena tempesta ormonale ma che saranno comunque attratti dai film d’azione e, perché no, a valutare un nuovo prodotto assicurativo per la propria auto.

Questo accade grazie anche alla magia del cinema.

Crediti e approfondimenti:

Annunci

Lascia un Commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...