Se non c’è risotto non c’è famiglia… e si STAR di nulla!

“Se non c’è dado Star non c’è risotto, se non c’è risotto non c’è famiglia”.

Aiuto! Siamo caduti così in basso?

Tra tutti i claim “studiati” per la pubblicità credo che questo rientri nella categoria dei più agghiaccianti.

Cosa si sono inventati i creativi dell’agenzia di comunicazione che ha ideato questo spot? A cosa pensavano in quel momento. Presi dal giochino lessicale si sono persi il significato reale delle parole e del linguaggio?

Passi la prima parte: “Se non c’è dado Star non c’è risotto”. Presuntuosa quanto volete ma ci può stare. In fin dei conti lo spot deve promuovere qualcosa che agli occhi del consumatore deve essere percepito come “di qualità” o “esclusivo”, “eccellente”, ecc… Ripeto, ci può stare ma… la seconda parte: “se non c’è risotto non c’è famiglia”….

Mi meraviglio che in un Paese cattolico e vaticanista come l’Italia non sia insorta la Santa Sede contro questo messaggio.

Ma come si fa a ridurre il concetto di famiglia o peggio, di NON FAMIGLIA, ad una mera scelta alimentare; se si utilizza o meno del risotto che, nello specifico, viene preparato con il dado Star.

Se ne deduce che chi, con i propri cari, non usa il dado in questione non può vantare una condizione di fatto, lasciando perdere sentimenti ed altro, che è la famiglia. Ergo, se mangio un piatto di pasta con moglie e figli praticamente lo sto mangiando con degli emeriti sconosciuti.

Se mi mangio il suddetto risotto da solo? Il concetto di famiglia si palesa ugualmente perché è in uso la combinazione vincente risotto+dado? Quindi, anche da solo c’è famiglia? Che tristezza…

E allora, visto che nell’esempio fatto sopra non ho voluto mettere i sentimenti, concludo questo post introducendo un concetto, forse nuovo per chi studia certi messaggi:

Dove c’è amore c’è armonia, dove c’è armonia c’è famiglia…

…con o senza risotto o dado STAR.

 

Annunci

3 thoughts on “Se non c’è risotto non c’è famiglia… e si STAR di nulla!

  1. Riccardo Saldarelli 12 febbraio 2015 / 23:19

    Belle e profonde osservazioni

  2. Ivan 12 febbraio 2015 / 17:37

    Bentornato Stefano! 😉 pungente come sempre. Ho pensato molte volte alla tua rubrica ultimamente, vedendo diversi spot decisamente stupidi…

    • Stefano Saldarelli 12 febbraio 2015 / 17:42

      Gentilissimo Ivan! Grazie per il tuo commento 🙂
      Il problema è che sono troppi e mi sopraffanno! Ne avrei da dire ma poi mi rendo conto che spesso faccio il loro gioco. Ne parlo… oramai vige sempre più regola: “nel bene o nel male purché se ne parli” 🙂

Lascia un Commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...