La Vacciniade e i nuovi eroi: NoVax vs. ProVax

Va bene, è arrivato il momento di parlarne. Ho deciso di farlo a modo mio, tanto su questo argomento ognuno dice la sua, Draghi compreso.

Il problema vaccini deve essere affrontato.

Il fatto stesso che il tema vaccini venga gestito come un derby sportivo mi dà parecchio fastidio. Si parte male perché “tu devi avere una posizione” e se la prendi vieni subito inserito in una precisa categoria dalla quale non ne esci più…

Vuoi fare i vaccini? Sei un responsabile, una persona che ha a cuore il bene comune. Sei altruista e sei pure alto, bello e molto intelligente ma poi… “lo dice la scienza, quindi non si discute”.

Non vuoi fare i vaccini? Ma che razza di persona sei? Ma ti rendi conto? Metti a rischio la vita delle persone che ti stanno accanto. Sei un incosciente, stupido, brutto e cattivo. Poi, come se la scatola degli appellativi non avesse un fondo… sei NOVAX, terrapiattista, negazionista, anti 5G, complottista, credi nelle scie chimiche, nei rapimenti alieni e il cambiamento climatico è colpa tua… Oltre a questo “non credi nella scienza”.

Poi la questione passa su un piano meramente politico tra chi è  favore al vaccino obbligatorio e chi non lo vuole rendere obbligatorio. Questo a prescindere dal tipo di vaccino e contro quale virus, dalle implicazioni che certe scelte possono generare nel medio o nel lungo termine e in seno a quale emergenza sanitaria, necessaria o costruita, si voglia proteggere la popolazione.

Ora… al di là dei tanti discorsi che si sentono sui vaccini, la questione che a me lascia sgomento è la superficialità con cui si affronta questo tema. E’ quella superficialità dalla quale poi germinano e si consolidano i suddetti schieramenti che diventano vere e proprie fazioni avverse. Da una parte troviamo il coro della scienza provaccinista, supportata dalle aziende farmaceutiche, dai media nazionali ed internazionali e ovviamente dalla politica; dall’altra troviamo il sussurro della scienza più moderata, più attenta all’uomo, quindi propensa a curarlo nel suo insieme (psiche e soma), non concentrata solo sul sintomo. Quella scienza nonvaccinista (o per lo meno contro alcuni vaccini o contro i cocktail multivaccinali che vengono somministrati ai bambini) che non ha alcuna voce all’interno del mainstream, anzi, se l’alza troppo rischia di essere additata, o peggio, i medici e scienziati che si espongono in tale direzione rischiano di essere sottoposti a provvedimenti disciplinari, fino ad arrivare alla radiazione. Nel mezzo c’è il cittadino che di riflesso si vede appiccicare un’etichetta piuttosto che un’altra, con tutte le conseguenze del caso qualora venga etichettato come NO-VAX.

Ad Agorà Estate su Rai3 , puntata del 1 settembre 2020 (dal 16° minuto) ho sentito il parere del virologo Bassetti e a corollario quelle degli ospiti intervenuti sul tema vaccino per il Covid19 e riapertura delle scuole.

Il Prof. Bassetti è sempre stato un pro-vaccini e da medico virologo ricercatore ha espresso il suo pensiero. Nel suo primo intervento, nel corso della trasmissione, ha dichiarato: “(…) educare e non imporre ad una parte, speriamo piccola, di italiani che è ancora resistente alla vaccinazione. (…) Non si rendono conto che la storia della medicina moderna e dell’umanità è cambiata grazie a due invenzioni: gli antibiotici e i vaccini. Senza queste non arriveremo certo a vivere oltre ottant’anni come viviamo.”

Personalmente avrei aggiunto anche una terza cosa: i condizionatori, ma questa è una mia opinione personale.

Tra gli ospiti è intervenuto Ettore Licheri senatore dei Cinquestelle, il quale ha avuto l’ardire di commentare: “(…) nella storia della farmaceutica, anche delle vicende poco chiare, poco trasparenti talvolta opache che ci sono state; dei conflitti di interesse che in passato sono stati scoperti e questo certamente non ha contribuito a consolidare la fiducia dei cittadini verso queste multinazionali. Anche lì si è sbagliato e anche lì si deve mettere rimedio.”

La trasmissione prosegue, vanno in onda i commenti e le dichiarazioni di vari politici ed esperti fin quando Roberto Vicaretti, giornalista e conduttore di Agorà Estate, rivolge al Prof. Bassetti la domanda: “(…) un caso positivo in una classe, cosa si dovrebbe fare?”

Il Prof. Bassetti interviene nel seguente modo: “Allora, mi faccia dire però una cosa relativa al servizio precedente (in riferimento all’intervento di Licheri, n.d.r). Io credo che il Coronavirus abbia portato all’attenzione un problema che è quello delle fakenews (…) Adesso si diceva in trasmissione, secondo me è molto pericoloso, parlare delle big pharma, parlare dei conflitti d’interesse. Noi abbiamo bisogno di dare una comunicazione univoca perché guardi che gli attacchi che noi riceviamo gli riceviamo proprio come quelli che è stato prima enunciato. Contro le big pharma, il mondo dei cattivi contro il mondo buoni” (…). O la politica si schiera fortemente dalla parte dei vaccini oppure è una partita che è persa. Questa è una partita che noi dovremo combattere nei prossimi tre quattro mesi”.

Avete letto bene: “molto pericoloso parlare delle big pharma, parlare dei conflitti d’interesse” e “O la politica si schiera fortemente dalla parte dei vaccini oppure è una partita che è persa.”

Potete risentire queste affermazioni attraverso RaiPlay. Anche no, ovviamente.

Bassetti fa delle affermazioni, a parer mio, piuttosto discutibili. Affronta la questione in modo assoluto, di parte, senza una minima riflessione e una discussione in merito a quanto ha correttamente sollevato l’onorevole Licheri, ovvero, il problema della credibilità.

La domanda che tutti dobbiamo farci è PERCHE’ la gente è sempre più restia o del tutto contraria a volersi vaccinare?

Non possiamo continuare a parlare di vaccini in modo impositivo: “DOVETE FARE I VACCINI”, senza dare spiegazioni. Se i cosiddetti “novax” sono in aumento, in tutto il mondo, un motivo ci sarà. Lo sono, ed è evidente, altrimenti non se ne parlerebbe e la questione non sarebbe un problema politico.

Non credo che coloro che prima se li facevano e adesso no, siano stati tutti rapiti dagli alieni e riportati sulla terra convinti del contrario, con l’intento di manipolare la razza umana e conquistare la Terra.

Vogliamo affrontare il tema vaccini in modo SERIO una volta per tutte?

Partiamo dal presupposto che le cosiddette BigPharma non sono aziende filantropiche. Sono aziende e basta. Studiano e realizzano dei prodotti, li immettono sul mercato e cercano di farci dei soldi. Punto. Tutto normale e lecito ma se si parla di salute e di speculare sulla salute, e nel tempo sono emersi conflitti d’interesse, manipolazioni di dati per vendere farmaci, metodi di produzione/lotti di farmaci con evidenti problemi, segnalazioni di problemi avversi, denunce, sentenze, risarcimenti…, vogliamo parlarne?

Non si tratta di fare una guerra alle aziende farmaceutiche ma nemmeno di farci inoculare tutto a prescindere, negando o sottacendo che un vaccino possa dare dei problemi avversi. Sarà il caso di soppesare costi/benefici in termini di somministrazione di un vaccino per contrastare un determinato agente patogeno? Vogliamo dare delle risposte alle persone che si pongono il “ragionevole dubbio”, senza additarle come “deficienti” la cui colpa è solo quella di volersi informare e di decidere autonomamente, secondo proprio giudizio?

Se portiamo la scienza o la medicina fin dentro le case delle persone, attraverso radio, TV e giornali, dobbiamo avere anche il coraggio di portare medici, scienziati, ed esperti ma anche politici, giuristi e avvocati di entrambe le posizioni, quelli a favore e quelli contrari ai vaccini. Entrambe le parti lo dovrebbero fare argomentando le loro posizioni, producendo dati, ricerche e ragionando su fatti concreti. Siamo stanchi, ci siamo rotti le scatole di sentire solo quelli che ci dicono che i vaccini vanno fatti, come fosse un dogma da ripetere in continuazione, fino al sfinimento/convincimento, e che non può essere discusso. La SCIENZA SI DISCUTE perché non è una fede, e anche la fede trova modo e spazi per essere discussa, non vedo perché non lo si debba fare con la scienza. Non sarebbe scienza e non ci sarebbe progresso scientifico se non ci fosse un continuo confronto.

Esiste una legge dello Stato, come ho riportato anche nel mio INFLUENZATI, che interviene laddove sia necessario risarcire persone danneggiate da vaccini; esistono sentenze di tribunale che si sono espresse a favore di persone danneggiate da vaccini; esistono persone danneggiate da vaccini. Esistono ricerche scientifiche e protocolli di sviluppo per i vaccini che prevedono anche dieci anni per realizzare un vaccino; adesso, per il Covid19, si parla di averne non uno ma una serie indefinita e nell’arco di pochi mesi, forse un anno al massimo (lasciando perdere per il momento il vaccino russo che pare già pronto dopo soli sette mesi dalla pseudo dichiarazione di pandemia).

Se vogliamo gestire il problema, che poi problema non dovrebbe essere, semmai i vaccini dovrebbero essere una soluzione, allora facciamolo in modo chiaro e facciamolo al più presto.

Fino a quando sentirò parlare di vaccini come un credo che deve essere accettato attraverso un “atto di fede”, non ci sto. La classe medica e gli scienziati si devono immergere in un bel bagno di umiltà e poi scendere tra la gente per rispondere ai tanti, troppi quesiti le cui risposte non sono mai arrivate o sono state liquidate con lapidari e arroganti: “SONO SICURI” o “NON E’ VERO E’ UNA FAKE NEWS!

Tra le domande rimaste senza risposta ci sono quelle relative ai problemi/sintomi avversi causati dai vaccini, sulla loro tossicità, sulla presenza dei metalli, allergeni, delle nanoparticelle di inquinanti, di DNA di feti abortiti, di consenso informato ma in realtà poco informato e di tante altre questioni sollevate da coloro che studiano i vaccini, da coloro che ne hanno subito i danni e da coloro che ritengono, tra gli scienziati, assurdo realizzare un vaccino per un virus basato su RNA a polarità positiva in continua mutazione. Si sta già parlando di dover fare, oltre al vaccino, una serie di richiami perché il vaccino contro il Covid-19 (che ancora non c’è) pare che da solo non basterà e che la sua efficacia sarà di breve durata, per questo si pensa già ai richiami. Non a caso si registrano nel mondo casi di persone che sono state contagiate dal Covid-19, poi guarite, e a distanza di tempo lo hanno contratto nuovamente dimostrando che l’immunità per il Coronavirus, come già si sapeva, è di breve durata.

Per approfondimenti, vedi:

Allora, posso capire di dovermi vaccinare da malattie importanti e per i quali il vaccino funziona davvero ma non capisco perché si continui a instillare paure tra la gente e che in teoria dovrebbero cessare solo dopo un’iniezione di un vaccino che, ripeto, ancora NON C’E’, per un virus che di fatto è poco più virulento di un’influenza stagionale e che non garantirà un’immunità duratura.

Ma poi, vaccino per cosa? Il direttore sanitario dello Spallanzani, Istituto di Ricerca che ha in carico la sperimentazione italiana di uno dei vaccini per il Covid-19, afferma in una recente intervista (qui riportata da Il Messaggero del 4.09.2020) che le fasi due e tre della sperimentazione verranno effettuate in altri paesi perché: “(…) al di là di quello che si dice, in questa fase in Italia non c’è questa catastrofe, non ci sono tutti questi pazienti, tutti questi malati. Andremo in paesi, probabilmente nel latino America, dove invece il virus è in una fase di crescita”.

E oltre a questo, di quale crescita stiamo parlando?

Se si parla di persone asintomatiche, risultate positive al tampone o al test sierologico, evviva Dio! Sai per quanti virus siamo positivi e quanti tamponi dovremmo fare? A me interessa capire se queste persone camminano con le proprie gambe, se stanno bene e se possono creare un pericolo per altre persone. Lo stesso Prof. Bassetti, in più di un’occasione, ha ribadito che positivo non vuol dire essere malato.

Spero che arrivi la ragione prima ancora di un vaccino. Mi auguro che un serio confronto, anche lungo, dibattuto, acceso, possa avviarsi al più presto e arrivare a mettere ordine tra le questioni aperte, da troppo tempo, sul tema vaccini (e BigPharma), anche se ciò comporterebbe dover mettere avanti a tutto la salute delle persone anziché gli interessi politici e/o economici. Se ciò non dovesse accadere, la distanza tra i due schieramenti potrà solo aumentare e i rapporti inasprirsi col passare del tempo.

Parafrasando una celebre frase che echeggia spesso nell’immaginario dei fans di Star Trek, mi auguro di non dover assistere ad una sorta di invasione BORG preceduta dal proclama: “La resistenza è inutile, sarete vaccinati”.

Da TGTrek.com

Ad ogni costo ed in ogni caso, nel rispetto della Costituzione italiana, della libertà di pensiero, di parola e di scelta individuale, nell’ottica di promuovere una scienza corretta, quantomeno non di parte, cercheremo il confronto, lotteremo per la verità e difenderemo le nostre ragioni.

Un conto è volersi vaccinare (lecito, giusto, comprensibile), un altro è obbligare altri a farlo, soprattutto quando non c’è alcun motivo reale per farlo.


Nota: i virgolettati che riportano le affermazioni delle persone sopra citate sono il risultato di trascrizioni audio delle interviste rilasciate ( di cui sono riportate le fonti). Grammatica e punteggiatura ricalcano il più possibile quanto rilevato dalle interviste. Talvolta possono risultare poco aderenti alle regole della lingua italiana ma lo scopo è di riportare più fedelmente possibile ogni contenuto. 

Lascia un Commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.