“Così, giusto per ricordarlo!”

Ho visto… network televisivi italiani compiacersi del loro operato. “Così, giusto per ricordarlo!”

Ho_Visto_CoseO bravi! 

Dedicato a coloro che lavorano da una vita e che non hanno l’opportunità di farlo pesare a tutti attraverso canali di comunicazione di massa.

Visto che ci siamo… anche noi che “non lavoriamo in televisione” ma paghiamo lo stesso le tasse in Italia, e tante, non prendiamo finanziamenti perché spesso le banche ci rifiutano il credito e non chiediamo di pagarci bollettini postali ma, soprattutto, non abbiamo sponsor che ci finanziano le nostre attività, Ah… dimenticavo, tra noi ci sono persone che fanno i pompieri, lavorano nelle forze dell’ordine, fanno i medici e gli infermieri. Ci sono persone che rischiano la propria vita per un misero stipendio e nonostante questo lo fanno, senza lode e senza gloria, senza riflettori puntati e senza spot televisivi. Tra noi ci sono persone che si alzano tutte le mattine per andare a lavorare e lo fanno e basta, in silenzio.

“Così, giusto per ricordalo!”

Gli spot…

Spot da un minuto che durano 30″

Ho visto… “Alle 21.00″, spot televisivi che sarebbero dovuti durare 1 minuto che poi sono stati trasformati in 2 spot da 30” o giù di lì.

Ho_Visto_CosePerò adesso c’è il countdown e questo fa di questa trovata di marketing la vera innovazione. In sostanza non è cambiato nulla se non aver appiccicato un’etichetta ad un blocco di spot commerciali e averli relegati in una fascia oraria precisa.

Dedicato a chi andava a letto dopo il Carosello e a coloro che aspettavano i programmi di prima serata intorno alle 20.30.

Approfondimento: per chi non sa minimamente di cosa stia parlando, ecco un articolo “che può cambiargli la vita”: ALLE 21